i vigneti

I vigneti vengono coltivati con il metodo di agricoltura biologica ad alberello e
cordone speronato su terreni in forte pendenza. Per questo motivo siamo di fronte ad una “viticoltura eroica” poiché le varie fasi di lavorazione non possono essere meccanizzate.
La tipologia del terreno è composta da argilla di medio impasto a volte mista a
rocce marnose, povera di sostanze organiche, per cui si hanno produzioni
di circa 30 ql/ettaro.

I principali vitigni autoctoni sono la “guarnaccia” (identificata sul registro
viticolo nazionale come “magliocco”) e il “greco nero” per quando riguarda la
produzione del vino rosso.  Mentre per i bianchi abbiamo la “malvasia”,  il  “greco bianco” e altri vitigni a bacca bianca in via di estinzione che si stanno cercando di
valorizzare e recuperare con nuovi impianti quali la “duraca” e il “vuino” .